Erica, il dramma interattivo che permette al giocatore di scegliere il finale

Erica

Erica è un videogioco per Playstation 4 annunciato nel 2017 e solo recentemente ha visto la luce del sole. Il titolo sviluppato da Flavourworks è uno dei più originali nel mondo del gaming; è un dramma interattivo girato interamente in “live action”, cioè con personaggi in carne ed ossa. Esattamente come un film, il gioco viene accompagnato da una colonna sonora di alta qualità che porta la firma autorevole di Austin Windory, già compositore delle musiche di Assassin’s Creed Syndicate e Hourney. L’attrice protagonista è l’inglese Holly Earl che veste i panni di Erica Mason, una giovane ragazza perseguitata da incubi, orfana di entrambi i genitori.

Erica: una trama plasmabile secondo le decisioni dei giocatori

La protagonista di questo thriller interattivo è Erica Mason, che ha dovuto imparare a crescere in fretta a causa della morte prematura della madre quando era bambina. Successivamente perde anche l’amato padre, che viene assassinato dinanzi ai suoi occhi con uno strano simbolo greco inciso sul petto. La ragazza spesso si sveglia improvvisamente rivivendo i momenti dolorosi della perdita dei genitori nei suoi incubi. Passa le giornate chiusa nella stanza del suo appartamento in periferia, ascoltando musica e soprattutto disegnando strani simboli per sfogare la sua tristezza e la sua rabbia.

La svolta arriva quando Erica riceve uno strano pacco che porta l’indagine a Delphi House, la clinica privata che suo padre aveva fondato insieme all’amico Lucien Flowers, interpretato da Terence Maynard. Da qui inizia l’indagine vera e propria, che si snoda secondo le scelte prese dal giocatore a seconda delle sue intuizioni. Il gamer ha a disposizione i pezzi per completare il puzzle, ma sarà lui a stabilire in quale sequenza comporlo per arrivare a finali multipli. La storia segue sempre un filo preciso; i percorsi per arrivare al finale saranno però sempre diversi e, inoltre, ci saranno interessanti richiami all’antichità classica. Erica dovrà scrutare e conoscere a fondo le persone che incontra per imparare a distinguere la verità dalle bugie e decidere in cosa credere in questo complesso mosaico mentale.

>>LEGGI ANCHE: Minit sbarca sui dispositivi mobile: come funziona il gioco più veloce del mondo<<

Come interagire con il personaggio

Per interagire con il personaggio ed ordinare le azioni da fare, il giocatore può usare il touch pad del controller Dualshock 4, oppure il touchscreen del dispositivo mobile. Spostando il cursore per selezionare le opzioni è possibile anche parlare ed interloquire con i diversi personaggi. Bisogna agire rapidamente, però, poiché i dialoghi sono brevi ed il tempo per decidere cosa rispondere è limitato. Il gamer può anche scegliere col controller le azioni da fare, come ad esempio sbirciare attraverso le porte, mettere un disco o spiare gli atteggiamenti di altri personaggi.

Giudizio finale su Erica: promosso o bocciato?

Il gioco nel complesso si guadagna una sufficienza piena, anche se c’è qualche neo. Il gamer, più che un videogiocatore, può essere considerato uno spettatore attivo che partecipa allo svolgimento della trama. Con le sue decisioni può cambiare il finale, anche se la storia resta comunque incanalata su binari specifici. Il gioco dura al massimo 2 ore; una scelta forse voluta, considerando la rigiocabilità di Erica. Il prezzo del videogame è però molto accessibile e per questo motivo rappresenta una spesa che vale la pena fare considerando l’originalità del titolo.